Otranto

Lecce
24/06/2018

Otranto

Otranto, il punto più ad est dello stivale, la suggestiva porta d’Oriente che vanta un passato storico e culturale di immensa ricchezza. Città fortificata caratterizzata dal diramarsi di un labirinto di viuzze e vicoli, è stata spesso teatro di invasioni e conflitti mirati all’occupazione della zona per molto tempo commerciale del Salento. Testimonianze dell’alternanza di popoli e predomini sono il Castello Aragonese, la Cattedrale di Santa Maria Annunziata al cui interno la Cappella dei Martiri conserva i resti del massacro del 1480 degli 800 fedeli cristiani adopera dei turchi. Inoltre la cattedrale custodisce uno straordinario mosaico pavimentale, raffigurante l’Albero della vita. La bellezza di questa città scaturisce dall’impareggiabile mare, gli splendidi scenari naturali dai suoi tesori artistici e dall’eleganza del borgo vecchio.

Un estratto dal poema epico Martiri de Otràntu (1902) dedicato ai caduti della battaglia di Otranto del 1480 scritto da Giuseppe de Dominicis (Capitano Black)

O terra terra de li nanni mei,

ntica città de Martiri e de Santi!

monte de la Minerva a ddunca strei

la mamma n’ha purtati tutti quanti

e ddìssemu de unita la prechera

ca ritta ritta a Diu salia de l’arma;

anime randi, ui ca de cqua mmera

purtàstiu la curuna cu lla parma,

anime fuerti, intru llu sangu uesciu

la forsa de lu Turchiu se stutau

e de la spata soa lu regnu nesciu,

l’Italia noscia libera restau…

Putenza forte de la Santa Fete,

ca nde terasti a ncelu tutti quanti!…

Ferma, piccinnu miu, ferma lu pete

ca ddu catisci è ppurvere de Santi!

Estratto del meraviglioso poema Li Martiri d’Otrantu di Giuseppe de Dominicis (Capitano Black), Congedo Editore, Galatina 1976, Vol. II, L., p. 62.

Traduzione fondazioneterradotranto: “O terra, terra degli antenati miei, / antica città di Martiri e di Santi! / Monte della Minerva dove da bambini / la mamma ci ha portati tutti quanti / e dicemmo unita la preghiera / che direttamente saliva a Dio dall’anima, / anime grandi, voi che di questi paraggi / portaste la corona con le palme / anime forti, nel sangue vostro / la forza del turco si spense / e dalla sua spada il nostro regno / l’Italia nostra libera restò. / Potenza forte della Santa Fede, / che portasti in cielo tutti quanti!… / Ferma, fanciullo